IN AMMINISTRAZIONE

In Amministrazione

Abbiamo acquistato e addestrato e reso disponibile alla Polizia Locale un cane antidroga per la prevenzione e il controllo del territorio.

E’ stata predisposta la Carta dei Servizi del Comune, innovativa e tecnologica. Anche in questo, come per lo Sportello Unico, Treviglio fa e farà scuola.

Comitati di quartiere: abbiamo modificato il regolamento consentendo la crescita del numero di comitati di quartiere presenti sul territorio.

Abbiamo dato risposte concrete alle richieste del Quartiere Ovest attraverso, ad esempio, il potenziamento dei sistemi di videosorveglianza in prossimità del sottopasso ferroviario, l’installazione di nuovi impianti semaforici, la sostituzione dei giochi nel parco pubblico, la creazione di un marciapiede più sicuro.

Dopo circa 20 anni, la nostra Amministrazione ha ottenuto che venissero realizzati i lavori previsti dall’accordo con le Ferrovie dello Stato, per un totale di 12 milioni di euro. I lavori realizzati sono: la nuova pista ciclo-pedonale lungo il cavalcavia della Baslini, il sottopasso di via Redipuglia, il sottopasso ciclo-pedonale di via Canonica e il sottopasso di via del Bosco.

E’ stato approvato un piano annuale di manutenzione straordinaria delle strade cittadine, con fondi che sono anche aumentati nel corso del mandato per dare risposte concrete.

Abbiamo investito nella messa in sicurezza delle scuole investendo quasi 700.000 euro su tre plessi scolastici.

Grazie alla collaborazione tra Azienda Ospedaliera e Amministrazione Comunale, che ha finanziato parte dell’intervento, il parcheggio dell’ospedale è stato asfaltato, illuminato e reso più funzionale. Tutto questo, mantenendolo gratuito!

Dopo l’approvazione in Consiglio Comunale, il Comune di Treviglio e la Fondazione Istituti Educativi di Bergamo collaborano nella realizzazione di un nuovo centro polifunzionale a servizio di Castel Cerreto. Una struttura nuova e moderna, funzionale, energeticamente sostenibile e che garantirà nuovi spazi e nuovi servizi – tra cui venti parcheggi realizzati dal Comune – alla frazione.

Abbiamo introdotto il servizio di trasporto gratuito Omnibus 70 per gli over 70 della nostra città.

Abbiamo attivato i lavori per la riqualificazione e la manutenzione straordinaria delle case comunali di via Custoza, via Cavour, via dei Cappuccini, via Pasteur e via Rozzone. A questi si aggiungeranno anche quelli di proprietà comunali siti a Castel Cerreto. In totale sono operazioni dal valore di 1 milione di euro. A questi si aggiungono tutti gli interventi di messa in sicurezza, riqualificazione energetica e manutenzione straordinari avvenuti e finanziati dal 2011 al 2015 nel corso del nostro mandato. Non finisce qui: per il biennio 2017-2018 un altro milione di euro sarà a disposizione per decisioni di questo genere grazie a un fondo perduto che la Giunta Pezzoni (in collaborazione con gli uffici comunali) ha ottenuto da Regione Lombardia.

Abbiamo ridato entusiasmo e bilanci positivi a YGEA, la società del welfare trevigliese. Con orgoglio abbiamo garantito l’assunzione di 12 persone, assistenti educatori, l’assunzione  di un nuovo operatore di magazzino con del nuovo farmacista e rinforzato il patrimonio della società.

Abbiamo riqualificato il palazzo ex-Upim garantendo spazi privati e pubblici in un contesto equilibrato. Il Tnt (Teatro Nuovo Treviglio) è un auditorium polifunzionale, definito da molti “una bomboniera”: abbiamo anche ottenuto un contributo da parte di Regione Lombardia di € 175’200 per l’allestimento tecnologico del Tnt. Ci sono sale per le esposizioni e le mostre e sale per attività varie, oltre ad attività commerciali che garantiscono e supportano la vitalità del centro storico. Piazza Garibaldi è stata rimessa a nuovo, ed è oggi un prezioso punto di passaggio e ritrovo per chiunque voglia fare due passi per la nostra città

Abbiamo operato un forte snellimento delle procedure di autorizzazione: da una parte per l’occupazione delle aree per tavolini etc durante il corso delle estati a seguito dell’approvazione delle modifiche al Regolamento che abbiamo approvato; da una parte per la liberalizzazione che abbiamo definito per i capannoni del PIP, “svincolati” dalla connessione operatore-proprietà immobiliare con un forte impulso all’alienazione dei diritti di superficie e dei diritti di proprietà, che hanno recuperato risorse per il Comune.

Abbiamo deliberato l’attivazione del Gabinetto di fotosegnalamento, la cui strumentazione ci è stata donata dal Comune di Varese, e acquistato una attrezzatura a disposizione della Polizia Locale per rilevare sul territorio la presenza di auto senza assicurazione e/o rubate. Senza dimenticare l’adozione della bici-esca contro i ladri di biciclette e il potenziamento significativo in qualità e quantità dei sistemi di videosorveglianza.

Abbiamo mantenuto l’Ufficio del Giudice di Pace assumendoci gli oneri di questa scelta utile al territorio e che conferma l’attenzione alla sicurezza e alla giustizia.

Abbiamo completato, e si completerà con piazza Setti, il processo di riqualificazione del centro storico trasformando vicoli e stradine dissestate in vicoli e stradine con sottoservizi e pavimentazione degne del centro storico di Treviglio.

Abbiamo progettato e finanziato la bretella di collegamento del quartiere Ovest con il PalaFacchetti.

Abbiamo fatto partire la Centrale Unica di Committenza, un servizio per altre sette Amministrazioni locali, grazie ai quali è possibile fare gare che al momento la legge non consentiva più di fare.

Il Comune di Treviglio e il sistema bibliotecario della Bassa fanno da perno a tutta la gestione del servizio di interprestito dei sistemi bibliotecari provinciali.

L’indice di indebitamento dell’Ente nel nostro mandato è diminuito: nel 2010 era pari al 7,20 ed è sceso al 6,92%.

Non abbiamo applicato la mini IMU e abbiamo contenuto le aliquote IMU: sulla prima casa abbiamo applicato il 4‰, quando lo Stato ci dava la possibilità di applicare fino al 6‰; sugli altri fabbricati abbiamo ridotto  all’8‰,quando lo Stato ci dava la possibilità di applicarla fino al 10,6‰.

La TASI è stata tenuta sul limite minimo del 2‰, sempre con detrazioni per tutte le famiglie e per chi avesse situazioni di disabilità o fragilità; anche qui lo Stato ci dava la possibilità di aumentarla fino al 3,3‰.

L’addizionale comunale IRPEF è stata allo 0,65‰, con un massimo consentito di 0,8‰.

Abbiamo ridotto progressivamente il costo del servizio rifiuti,di 350’000 euro e quindi ridotto anche la tassa rifiuti, rimodulandola secondo le nuove norme e entrando nel merito di categorie commerciali e numero di componenti del nucleo famigliare fin dove concesso dalla normativa nazionale: il costo è diminuito, ma abbiamo mantenuto alcuni servizi (la consegna dei sacchi) e aumentato la frequenza di svuotamento dei cestini pubblici.

Le aliquote applicate dal Comune di Treviglio nel nostro mandato sono state mediamente più basse della media provinciale.

Le tariffe dei servizi (asilo nido comunale, mense scolastiche, impianti sportivi, le aree attrezzate per fiere, servizi bibliotecari e museali e tante altre), in questi ultimi anni sono rimaste invariate. Non è stato applicato, in molti casi, nemmeno l’aumento Istat previsto dalla norma.

Abbiamo abolito tutti i diritti comunali sui servizi demografici.

Abbiamo agevolato alcune famiglie, in caso di disagio economico,  riducendo il valore del canone locativo e partecipando a un progetto per le morosità incolpevoli, ottenendo un contributo di 256.000 euro.

Recupero crediti. L’importante situazione di morosità che risultava alla data del nostro insediamento relativamente ai canoni e alle spese condominiali pregresse è stata gestita dall’Ufficio patrimonio secondo un indirizzo dato dalla Giunta, prevedendo un rientro tramite rateizzazione, che teneva conto di quelle che erano le disponibilità oggettive delle famiglie

Sono state attivate anche procedure di recupero coattivo, grazie anche all’Avvocatura comunale: ad esempio, per quanto riguarda gli alloggi di via Galileo Galilei siamo riusciti a recuperare in breve tempo 172’000 euro su una morosità di 378.000 euro.

Abbiamo previsto la  riduzione degli oneri di urbanizzazione per favorire e incentivare le ristrutturazioni degli edifici: sono stati ridotti del 50% gli oneri per gli interventi di ristrutturazione edilizia, del 30% gli oneri per gli interventi di demolizione e ricostruzione e del 20% gli oneri per gli interventi che non riguardano la demolizione e ricostruzione ma sono nel centro storico. In più ci sono ulteriori riduzioni fino al 30% per interventi che garantiscono elevati risparmi energetici.

Abbiamo ridotto  del 50% i diritti di segreteria in materia edilizia e urbanistica per chi presenta le pratiche in modalità telematica: riteniamo che anche questo sia un incentivo alla ripresa e, comunque, all’attività edilizia.

Abbiamo approvato lo studio del reticolo idrico minore e il documento di polizia idraulica. Il Comune di Treviglio ne era sprovvisto; con questi documenti  sono stati definiti quelli che sono tutti gli interventi di tutela e di protezione dei corsi d’acqua, delle rogge, e dei nostri fossi, che sono  un patrimonio molto importante della città di Treviglio.

Abbiamo adottato il Piano del colore del centro storico, uno studio importante che ha previsto la catalogazione di tutti gli edifici e tutte le facciate che affacciano sulle strade e sulle piazze pubbliche. Da qui si è partiti definendo quelli che sono gli interventi che si possono realizzare, le tipologie di finiture, i materiali e i colori, così da avere un centro storico ordinato con una colorazione che sia consona a quella che è la storia di Treviglio.

Filo conduttore dei Servizi sociali è stato quello di implementare l’erogazione dei servizi e delle prestazioni quale metodo alternativo all’erogazione delle somme di denaro: basta denaro cash in mano alle persone!

Abbiamo promosso il self-service solidale.

Abbiamo aperto il punto infermieristico  presso l’Idrokinesiterapia in via XXIV Maggio.

Abbiamo promosso il progetto dei buoni spesa, con convenzioni con negozi di vicinato per poter fare la spesa di soli alimenti.

Abbiamo applicato la norma 445/2000 e cioè l’obbligo per i cittadini stranieri che fanno richiesta di un alloggio di edilizia popolare di presentare un certificato rilasciato dalle competenti Autorità dello Stato estero tradotto in lingua italiana attestante il non possesso né di immobili, né di terreni. E’ stato un provvedimento di uguaglianza, perché sino al nostro arrivo questo provvedimento valeva solo per i cittadini italiani.

Abbiamo promosso un protocollo di intesa con la  Guardia di Finanza per la verifica sulla veridicità delle dichiarazioni ISEE di chi fa richiesta di accedere a contributi, piuttosto che a bandi sociali, a graduatorie di alloggi popolari.

Abbiamo implementato lo spazio gioco bambini e adulti, che è un nuovo spazio alla zona Ovest, con un’educatrice che fa una sorta di accompagnamento in uno spazio finalmente riservato e adeguato.

Abbiamo definito di riservare  il 30% degli alloggi di edilizia residenziale popolare  a disposizione ad anziani, a persone sole, a papà con minori e mamme con minori e persone con disabilità..

Abbiamo investito circa 50 milioni di euro nell’arco di questi quattro anni e mezzo, con le risorse anche dell’accordo di programma con le Ferrovie dello Stato: è stato un grande successo, se si considera che gli oneri urbanizzativi – la fonte principale di finanziamento delle opere pubbliche –  viaggiavano nell’amministrazione 2006-2011 intorno ai 20 milioni di euro, mentre noi  abbiamo investito con entrate provenienti da oneri pari a soli 6 milioni di euro.

Abbiamo ristrutturato la Torre Civica, allestendo il museo verticale.

Abbiamo deciso di investire circa 1.300.000 euro per la riqualificazione dell’ex Tribunale.

Abbiamo rifatto l’illuminazione lungo tutta la circonvallazione interna della Città: vi ricordate in che stato versava la circonvallazione interna?

Abbiamo messo in sicurezza tutti i passaggi pedonali: abbiamo realizzato oltre 25 attraversamenti pedonali e oltre 75 punti luce per mettere in sicurezza i cittadini, per un importo di 700.000 euro

Abbiamo avuto attenzione per il verde, intervenendo puntualmente nei 23 parchi cittadini e riqualificando con successo il parco di via Cesare Battisti realizzando un’area giochi.

Abbiamo realizzato 8 km di piste ciclabili e approvato il progetto preliminare del collegamento della Valle del Lupo con il Bosco del Castagno, per altri 1.400metri.

Abbiamo progettato e finanziato i lavori di riqualificazione di via del Maglio, che rappresenta  il collegamento tra il quartiere della zona Nord e il centro della città: una pista ciclopedonale lungo la roggia, in un contesto “ambientale”.

Abbiamo riqualificato l’asse di collegamento tra la Same e l’ospedale con nuove rotonde e una viabilità più ordinata e rapida.

Abbiamo riqualificato Viale Buonarroti è in corso d’opera.

Nel piazzale del Turro abbiamo un intervento di recupero abbiamo messo a disposizione 285 posti, che si sommano al nuovo parcheggio di via Vittorio Veneto: nel nostro mandato abbiamo messo a disposizione dei nostri cittadini 645 nuovi posti auto

Abbiamo progettato e voluto il nuovo Polo Fieristico, che è in corso d’opera, per un importo di circa 4 milioni di euro: il primo lotto già è in essere e garantirà circa 130 parcheggi a servizio della stazione centrale e del Pip 2 nei periodi in cui non vi saranno manifestazioni; il secondo lotto riguarderà la costruzione del padiglione e della palazzina destinata ai servizi.

Abbiamo realizzato la pista ciclabile che collega Treviglio a Brignano Gera d’Adda.

Abbiamo attivato lo Sportello Unico, garantendo una relazione diversa tra cittadino e Comune.

Abbiamo garantito un’attività culturale intensa e di livello.

E tanto altro ancora… è stata l’Amministrazione della “politica del fare”. Di questo siamo orgogliosi.